O and O: odontotecnico versus Oxford

Tempo di lettura: < 1 minuto

In Italia c’è un signore che si occupa di politica, senza grande successo, che recentemente ha dato del “rozzo ed ignorante” ad un signore inglese anch’egli politico. Ma di grandissimo successo.

Non voglio certo discutere le loro idee ma riflettere solo sul Nostro che, munito di un rispettabilissimo diploma di odontotecnico, ha definito con quei termini il suo collega d’oltre manica, il quale è laureato ad Oxford in lettere classiche, parla correntemente latino e greco antico, è autore di un volume di successo sulla storia romana, ha reintrodotto lo studio del latino nelle scuole di Londra ed è celebre per le citazioni nelle due lingue antiche nelle più disparate occasioni sia formali che non. E’ ben nota la sua passione per il mondo classico, tant’è che parla bene anche l’italiano ritenendolo, a ragione, una lingua figlia diretta della più grande cultura di cui il mondo ancora oggi si giova a distanza di millenni

Capisco che per un odontotecnico sia un concetto poco condivisibile, ma spesso tenere la bocca chiusa è la scelta migliore