Marianne Mirage: una personalità originale e la sua carriera

Occhi elettrizzanti, voce graffiante e, al contempo delicata; Marianne Mirage è un talento pieno di grinta ed energia.

La ricordiamo sul palcoscenico di Sanremo Giovani 2017 con il singolo Le canzoni fanno male. Singolo scritto per lei da Baustelle e che racchiude perfettamente la sua caratteristica: un piacevole mix tra stili e generi musicali.

Classe 1989: attrice, cantautrice, performer.

Marianne vanta un curriculum poliedrico ed anche internazionale. Difatti, ha conseguito un diploma di recitazione a Milano e una laurea in Lettere e Filosofia. Inoltre, durante i suoi viaggi in tutta Europa, si è esibita in locali di diverse capitali, accompagnata da altri musicisti di calibro internazionale.

Marianne Mirage affascina con la sua voce e delizia il pubblico con la sua musica dai toni soul e talvolta anche jazz, pop e groove. 

https://www.instagram.com/p/B78IiiDCu0d/

 

Prima dell’Ariston, Marianne Mirage ha conquistato la critica nel 2014 con il suo primo singolo Come quando fuori piove. Inoltre, a porre l’attenzione su di lei è stato un noto periodico statunitense: ”Rolling Stones”

 

Nel 2016 ha inciso il suo disco debutto Quelli come me,  che l’ha portata anche in giro per un apprezzatissimo tour.

Merita di essere citato The Place, un brano scelto da Paolo Genovese per fare da tema al suo omonimo film. È da sottolineare che il brano è stato pubblicato in due lingue (inglese e italiano).

Nel 2019 vede la luce il suo secondo brillante album Vite private. Basta ascoltare i brani che compongono questo nuovo album per far sì che la voce della giovanissima artista non esca più dalla testa. Ancora una volta contrassegna la sua musica con un mix tra stili: pop (vedi L’amore è finito), internazionale (vedi Adieu), groove e altri.

Perciò, si rivela capace di rinnovarsi continuamente e mai smentirsi. Marianne Mirage si diletta a personalizzare, in modo originale, la sua musica e le storie che racconta attraverso essa.

Insomma, la grintosa Marianne Mirage fa confluire in un unico album le infinite sfaccettature della musica, dei diversi stili e generi. Non passa inosservata l’interpretazione che lei sola sa conferire, con la sua fedelissima chitarra sempre sottobraccio che la rende un’artista fuori dagli schemi e da ogni convenzione.

Ci auguriamo che la sua carriera musicale sia in continua ascesa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *