Libertà in quarantena attraverso l’arte libera di Banksy

Tempo di lettura: 2 minuti

Il senso di libertà in questo periodo difficile attraverso l’arte libera di Bansky. Scoprire una libertà indipendente da fattori esterni; svincolata da prezzo e confini, ma carica di valore e umanità.

L’artista di oggi

Ricordiamo la recente giornata internazionale dell’ infermiera con il quadro Game change di Banksy.
L’opera vede un bambino innalzare un’ infermiera giocattolo con lo stemma della croce rossa sul petto.
La ragazza, ha preso il posto dei vecchi e storici supereroi Batman e Spiderman, nell’opera, così come nella vita reale; le infermieri e i medici reggono i fili del gioco della vita.
Con questo “cambio di gioco”, Banksy vuole ringraziare proprio loro, quelli che stanno lavorando, sacrificando anche la propria famiglia, pur di rispettare il loro lavoro, la loro missione, quella che li rende veramente liberi.

Il tributo è appeso vicino al General Hospital di Southampton, in Gran Bretagna, dove resterà fino all’autunno per poi essere venduto, e il cui ricavato sarà dato in beneficenza.
Banksy vorrà forse ricordare di abbondare i giochi, le cattive abitudini per quella libertà di agire che ora sembra in quiescenza?

Chi è Banksy?

La sua identità è sconosciuta, ma sembra provenire da Bristol, fonte di ispirazione. Apprezzatore dei Portishead, Massive Attack e di Paris Hilton ha più volte affermato di essere sempre guidato dalla musica.
È uno street artist, un uomo che dovrebbe avere 40/50 anni e che ha sempre amato l’arte libera, quella di strada, quella svincolata da un prezzo, ma carica di valore.
La libertà di Banksy consiste proprio nel celare se stesso, per regalare sogno.

L’artista di ieri

Uno dei quadri più famosi di Banksy è proprio la bambina con il palloncino.
Realizzato nel 2002, il quadro, era stato esposto successivamente all’asta di Sotheby’s, a Londra, dove si era autodistrutto.
Era un trucco di Banksy, un meccanismo ideato all’interno della cornice che riduceva il quadro in tantissime striscioline.
L’artista voleva creare stupore?
No, rendere viva la sue essenza: quella della libertà di produrre, di amare, senza avere un guadagno o qualsiasi tipo di tornaconto.

Libertà oggi: La bambina con il coronavirus.

È proprio a San Bassano, Cremona, che si può ammirare una bellissimo murales che si ispira a Banksy. Un artista sconosciuto riproduce una bambina che lascia un palloncino diverso: il coronavirus.
L’augurio questo di poter presto abbandonare il coronavirus sfoggiando sin da subito varie forme di arte, di evasione nonché libertà.

https://youtu.be/RHvSCTKyfZI